fbpx

Nella costruzione e gestione di un brand,

l’impatto visivo è sicuramente uno dei primi feedback.

Siete d’accordo?

Parliamo allora un argomento per me molto affascinante: il branding sensoriale. Una strategia di brand che espande l’esperienza del marchio alla totalità delle percezioni possibili per agire sulle emozioni del consumatore.

L’udito, per esempio, come secondo senso in assoluto più utilizzato per comunicare, consente un’immediatezza nel messaggio e un reattivo riscontro da parte del pubblico. Le emozioni associate a una sequenza di suoni, si imprimono nella nostra mente sotto forma di ricordo pronto ad essere rievocato e rafforzato ogni volta che percepiamo lo stesso stimolo.

Volete un altro elemento per riflettere?

Pensate all’associazione tra una hit e una marca in una determinata pubblicità e a cosa ci succede quando questa passa per la radio della nostra auto, mentre noi giriamo nel traffico o scrollando nei social, ci raggiunge all’improvviso.

Avete un ricordo di questo tipo?

Non si può avere una vita positiva e una mente negativa.

Brand, branding sensoriale, customer experience, marca, marchio, marketing Fivesix Studio Agenzia di comunicazione Vicenza
La nostra mente automaticamente fantastica su un possibile futuro acquisto di quel prodotto; la dopamina rilasciata nel nostro organismo stimola l’ormone della felicità e, cosa incredibile, senza la nostra volontà, il ricordo di quel brand risulta indelebile.

Oltre alla vista, perciò non esitate ad estendere anche ad udito, olfatto, gusto e tatto l’esperienza positiva del vostro brand.

Il ricordo verrà enfatizzato al massimo e i successi sono assicurati.

Tommaso Ferron

Tommaso Ferron

Founder & Project Manager. Tengo sempre ben presente gli obbiettivi dei miei clienti e nello stesso tempo quanto sia facile rovinare per sempre l'immagine di un brand. E' per questo che lavoro mano nella mano con il mio team per costruire esperienze di brand con carattere da vendere ma con rispetto ed attenzione.

0